EFT - Emotional Freedom Techniques

EFT è l’acronimo di Emotional Freedom Techniques (Tecniche di Libertà Emozionale). Questa tecnica può essere utilizzata con successo su problematiche fisiche, emozionali e spirituali. Si dice che in mano ad un neofita, la percentuale di successo di EFT sia circa il 50%, mentre in mano ad un esperto si arrivi addirittura oltre l’80%.

Gary Craig, Ingegnere e padre dell’EFT, ha più volte dimostrato davanti al proprio pubblico (spesso costituito da scettici) che entro pochi minuti dall’inizio del picchiettamento almeno l’80% dei partecipanti aveva un’evidente diminuzione o la totale eliminazione dei problemi fisici o emotivi.


Alcune volte capitano piccoli prodigi, quelli che in EFT vengono definiti “One Minute Wonder”, un minuto di meraviglia. Si tratta della completa risoluzione dei problemi in appena 1 minuto di trattamento.

EFT affonda le sue radici nella medicina tradizionale cinese, con il suo sistema di meridiani energetici scoperto circa 5000 anni fa e confermato, a partire dagli anni ’60, dalla scienza ufficiale.


Può essere definita agopuntura senza aghi, al loro posto si utilizzano le nostre dita. E’, quindi, possibile per tutti godere degli enormi benefici di questa tecnica sia utilizzandola da soli che insieme ad un Coach certificato.

EFT si sta diffondendo molto velocemente in tutto il mondo, milioni di persone la utilizzano efficacemente come tecnica di auto-aiuto. Molti medici e psicologi hanno oggi allargato i lori strumenti d’azione inserendo EFT fra i tools di lavoro più efficaci.

La nascita di EFT è legata alla tecnica TFT, Thought Field Therapy – Terapia del campo pensiero, messa a punto dal Dottor Roger Callahan, uno psicoterapeuta californiano che nel 1980, scoprì che picchiettando sotto l’occhio di una sua pazienta (Mary) in prossimità del meridiano dello stomaco, la sua fobia dell’acqua istantaneamente scomparve.


Visti i risultati ottenuti con Mary, il Dott. Callahan approfondì gli studi proprio in quella direzione mettendo appunto una serie di algoritmi ovvero combinazioni di picchiettamenti abbinati ad ogni singolo problema. Nacque così la TFT basata sull’idea che i pensieri e le emozioni, sono intimamente connessi con il campo energetico del corpo e che, modificando tale flusso attraverso il picchiettamento, è possibile rilasciare istantaneamente le emozioni negative ed influenzare di conseguenza anche il nostro corpo fisico.

Grazie a queste scoperte egli divenne famoso in tutti gli Stati Uniti e cominciò a tenere dei corsi di formazione. Nel 1991 ad uno di questi corsi partecipò Gary Craig, un ingegnere di Stanford, esperto di PNL. Il grande contributo di Gary Craig consiste nell’aver semplificato notevolmente le tecniche di Callahan, dopo essersi reso conto che non era necessario imparare a memoria ogni algoritmo ma che era sufficiente stimolare tutti i 14 Meridiani per riequilibrare quello effettivamente interessato dal problema.

Gary Craig scoprì che la causa di tutte le emozioni negative era dovuta ad uno squilibrio del sistema energetico del corpo. Quando applichiamo EFT, non sappiamo quale meridiano sia interessato da questa interruzione e comunque ciò non è rilevante poiché andiamo a stimolare tutti i 14 meridiani ripristinando il corretto flusso di energia in questi microscopici canali. Questa energia è simile ad una debole corrente elettrica che scorre da un punto all’altro del meridiano; il picchiettamento del suo punto terminale, genera l’invio di impulsi. Tutto questo avviene attraverso i polpastrelli e senza l’utilizzo di aghi od altri oggetti. Un’emozione negativa non è causata dal ricordo di un’esperienza traumatica passata (anche se esso può contribuire), ma da un’interruzione nel sistema energetico del corpo, che genera emozione in eccesso. EFT non richiede di rivivere dettagliatamente e dolorosamente i propri ricordi negativi, poiché essi non sono la reale fonte delle emozioni negative: risulta però necessario “sintonizzarci” sul problema mentre picchiettiamo i punti terminali dei meridiani.

Più specifici siamo nell’enunciare il problema, più efficace e veloce sarà la risoluzione della problematica. Un evento o trauma può causare un “cortocircuito” nel nostro sistema energetico e quello che facciamo con EFT è rimuoverlo, ripristinando il giusto flusso lungo i nostri meridiani ed eliminando così le emozioni negative.

Queste ultime comprendono: paure, rabbia, dolore, ansia, traumi, preoccupazioni, problemi di digestione, mal di testa, dolori articolari, problematiche fisiche di vario tipo, senso di colpa e tutte le emozioni limitanti nei diversi contesti della vita.

Il trattamento con EFT può essere fatto senza effettuare una diagnosi (ricordiamoci sempre che noi siamo degli “energisti”, non siamo medici, né psicologi).

Stimolando tutti i meridiani si incrementa la possibilità di successo: non è raro, infatti, che dopo aver eliminato un particolare problema, si vada automaticamente a risolverne un altro che avevamo dimenticato di avere, come ad esempio un vecchio dolore alla spalla od un mal di schiena.

Un’altra caratteristica peculiare di EFT è che può essere applicata anche al di fuori del contesto specifico, ad esempio, non è necessario essere all’interno di un aereo per lavorare sulla paura di volare. Il nostro cervello, infatti, non è in grado di percepire la differenza fra un evento realmente vissuto ed un evento solo immaginato. EFT lavora sul nostro sistema energetico e sul nostro inconscio, andando anche ad eliminare tutte le credenze limitanti che ci portiamo dietro da quando siamo nati. Molte volte le nostre credenze e paure arrivano ancora da più lontano (gEFT).

Ereditiamo dai nostri avi tantissime vecchie memorie custodite nell’inconscio che se non trattate ed azzerate continuano a riaffiorare nella nostra parte conscia, influenzando i nostri comportamenti e le nostre decisioni.

Il sistema energetico del corpo è paragonabile ad un circuito elettrico (meridiani) all’interno dei quali scorrono deboli correnti necessarie all’alimentazione dell’intero sistema. Per il buon funzionamento del sistema è necessario però che le correnti scorrano nella giusta direzione. Purtroppo, non sempre questo avviene, poiché è possibile che la circolazione energetica risulti invertita.

È come se si inserisse la batteria al contrario nel nostro cellulare, alterandone il normale funzionamento. Gary Craig la chiamò Inversione Energetica (IE). L’inversione energetica sembra essere alla base del mancato raggiungimento dei risultati soprattutto in contesti quali la guarigione delle malattie croniche, le dipendenze (fumo, alcol, cibo, gioco d’azzardo, ecc), la mancanza di raggiungimento dei risultati in ambito sportivo, personale o professionale, la difficoltà di perdere peso, ecc. L’inversione energetica può essere, quindi, paragonata ad un vero e proprio sabotatore interno che impedisce qualsiasi tipo di miglioramento. Il sabotatore diventa il nostro peggiore nemico non permettendoci di evolvere e raggiungere un risultato fisico o mentale. EFT permette di correggere questo auto-sabotaggio e far si che si ripristini il corretto flusso energetico all’interno dei meridiani.

Possiamo applicare EFT a fobie e paure, stati d’ansia, problemi di digestione, problemi di sonno, traumi del presente e del passato, dipendenze (alcol, fumo, cibo, sesso, gioco d’azzardo, ecc), problematiche legate allo stress, paure ed ansie in gravidanza, paura del futuro e mancanza di fiducia in sé stessi, lutto e perdite affettive, separazioni e divorzi, tristezza, stanchezza, mal di testa, dolori fisici, problemi di peso, incremento delle performance nello sport, credenze negative e limitanti.

Avvertenze

EFT lavora sul sistema energetico del corpo, andando a facilitare “l’auto-guarigione”. Picchiettando con le dita i punti terminali dei meridiani, si riequilibra la nostra energia vitale. La tecnica elimina la causa energetica del problema e questo ha delle ripercussioni positive anche sul piano fisico, mentale e spirituale.

EFT non si sostituisce alla medicina o ai farmaci e non si consiglia a nessuno di interrompere alcun tipo di terapia. Tale decisione può essere presa solo dal proprio medico o da chi ha prescritto la terapia in corso.

Quando utilizzarla

Per problematiche legate al piano fisico, mentale e spirituale. Quando siamo in presenza di credenze limitanti e auto-sabotaggio

Quali benefici si ottengono

EFT ti permette di superare una credenza limitante, un problema fisico e emozionale, permettendoti di vivere una vita più libera e felice.

I nostri servizi

SESSIONE SINGOLA

_

1 ora 15 in studio o via Skype
  • 10 minuti di introduzione del cliente
  • 1 ora di lavoro con EFT
  • 5 minuti di revisione finale
NUOVA VITA

_

2 sessioni di EFT al mese per 3 mesi
  • Colloquio iniziale
  • 6 sessioni da 1 ora e 15
  • Revisione finale
  • Copia del libro “Mi amo e mi accetto”
SEMINARI DI EFT

_

1 giornata per il livello base, 2 giornate per il livello avanzato
  • Corso teorico pratico
  • Esercizi sull’utilizzo di EFT
  • Dispensa del corso e attestato finale